cittą   Torna indietro 
Teatro San Carlo: ecco la stagione 2011/2012
 

Che sia lirica e balletto o musica sinfonica, la Stagione 2011-2012 ( la partenza sarà data dall'inaugurazione della stagione Sinfonica, il 30 settembre al cospetto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e rimarrà in tabellone fino al 4 ottobre 2011) del Teatro di San Carlo di Napoli promette un viaggio nella tradizione partenopea, il ritorno di grandi classici del repertorio lirico-sinfonico, anche “riletti” attraverso nuove sensibilità, ospiti di fama internazionale.

Diamo un pò i numeri della programmazione del teatro più importante del sud Italia: 386 giorni di programmazione, più di 40 spettacoli, con 7 nuovi allestimenti, 5 produzioni di successo, 22 concerti e 7 balletti, con importanti debutti e grandi ritorni su uno dei palcoscenici più importanti del continente europeo.

Gli spettacoli d’Opera avranno la firma di grandi registi, provenienti da mondi “vicini” alla Lirica, come Luca Ronconi, Roberto De Simone e Gabriele Lavia, e anche di artisti che “rileggeranno” i classici con la loro sensibilità, come Gianni Amelio e Paolo Rossi. Sul podio, direttori d'orchestra di lunga esperienza, come Maurizio Benini, direttore principale ospite del San Carlo, William Barkhymer e Donato Renzetti, e ancora, produzioni internazionali e collaborazioni tutte partenopee, come la provocatoria opera di Bertolt Brecht “L’opera da tre soldi” che vedrà protagonisti Massimo Ranieri e Lina Sastri, per la regia di Luca De Fusco. Lo spettacolo sarà realizzato in collaborazione con Napoli Teatro Festival Italia e Teatro Stabile di Napoli.

Per la Stagione di Balletto, con Ottobre Danza, un mese intero di programmazione verrà dedicato a quest’arte: sul palco del San Carlo si alterneranno ospiti internazionali, come Carolyn Carlson ed i Balletti di Lione e Corea, oltre a nuove produzioni.

Nel 2012, invece, torneranno in teatro importanti coreografi, come Nacho Duato, ed una leggenda del mondo della danza, Roland Petit.

La Stagione Sinfonica al San Carlo si baserà su di un vasto programma di concerti con solisti di fama internazionale, tra cui Andràs Schiff (in collaborazione con l’Associazione “Alessandro Scarlatti”), Uto Ughi e Lang Lang, e grandi orchestre e direttori ospiti, tra i quali spiccano la Simon Bolivar e l’Orchestra Mozart, e gli attesissimi ritorni di Riccardo Muti e Claudio Abbado, oltre ai giovani Diego Matheuz e Han Na Chang.

Non resta che attendere e gustarsi una straordinaria annata “targata” San Carlo di Napoli. (C.Crispino)

 
Per informazioni:
www.teatrosancarlo.it